L'angolo delle Opinioni: QP Soul of Violence

Pubblicato da: in: classifiche recensioni

Poco tempo fa, nella vana, ma inesauribile speranza, di trovare qualche manga usato a prezzi onesti, mi aggiravo dentro il Mel Outlet della mia città, in anni e anni non sono mai riuscito a trovare niente di interessante, proprio zero, il nulla più totale!
Come sempre, dopo aver dato un occhio ai vari libri, mi accingevo a dare la mia classica occhiata fugace all'angolo fumettisco e con mio grande stupore notai qualcosa di diverso, un colore arancio strano.
Che sarà mai?
Non può essere un manga nuovo, impossibile!
Mi avvicino per vedere meglio, e si, era proprio qualcosa di nuovo, una serie intera, ovviamente però subito sono sorti dei dubbi:
"Si,ma tanto sarà l'ennesima cagata e costerà pure tanto!"
Lo sfoglio un po'...
"Però, non male, bei disegni, sembra divertente, quanto costerà?"
Giro il volume e vedo che è scontato al 50%...
Inutile dire che l'ho acquistato.

Dopo questa lunga premessa che non so per quale motivo ho voluto scrivere, vi parlo del manga in questione,QP Soul Of Violence, manga edito in Italia da Hazard Edizioni


“Kewpie” è il nome inglese di un pupazzo, un po’ cupido un po’ folletto molto noto in Giappone anche perché è utilizzato come logo dell’omonima marca di maionese. Con lui Ishida Kotori – il protagonista di QP Soul of Violence – non ha in comune che un ciuffo biondo al centro della testa, che gli è valso il soprannome “Kyupi”, perché Ishida Kotori detto Kyupi è invece un corpulento giovane che ha trascorso quattro lunghi anni in riformatorio e torna nel quartiere di periferia in cui è cresciuto. Qui incontra alcuni vecchi amici, ora al soldo della Yakuza, che con ogni mezzo cercano di riportarlo alle vecchie abitudini.
Kyupi però resiste strenuamente, deciso com’è a non lasciarsi distogliere dal cammino intrapreso alla ricerca della “luce”.
Pubblicato nel 1999 da Shonengahosha in nove volumi, QP Soul of Violence è un manga pieno di humor, ricco nell’intreccio e nella costruzione dei numerosi personaggi, forte delle eccezionali doti di sceneggiatore del suo autore.


Edizione
Partiamo dall'edizione, classica sovracopertina lucida, volume robusto, ottima la carta, non bianchissima, cosa che odio, ma tendente al grigio, insomma un' ottima edizione anche se il prezzo di vendita lo ritengo nonostante tutto altino; infatti a prezzo pieno costa 6€, però è una serie che pare sia reperibile facilmente usata, cosa che vi consiglio di fare.
In tutto sono 8 volumi, niente di esagerato quindi, ne lungo, ma neanche corto.

Considerazioni Varie
La prima cosa che mi ha colpito è stato il chara design dei personaggi, mi è piaciuto parecchio, molto bello lo stile, pulito e definito.
Per quanto concerne la storia invece che dire?
A prima vista sembrava il classico manga comico, pieno di scazzottate e humor, invece proseguendo la lettura ci si rende conto che c'è qualcosa di più, piano piano prendono forma le varie caratterizzazioni dei personaggi e si intravede una storia più complessa di quel che poteva sembrare.
Tutti i personaggi a modo loro sono affascinanti e mai banali, una storia che mostra l'evoluzione di ciascuno di loro, sia in positivo che in negativo, i mutamenti di un' amicizia con l'incedere del tempo, insomma una gran bella storia.
Unica sbavatura forse il finale, non che sia brutto, però fossi stato nell'autore avrei avuto più coraggio in certi frangenti, ma questo poi va a gusti.
Da una scala da 0 a 10, direi che si merita un 7.5.


Notizia letta 62 volte
()
Interessante e scritto bene, viene voglia di leggerlo!